Invia un articolo Invia una immagine Segnala un sito
America latina on line
America Latina on line

  Home   Immagini Articoli Links  
   Home >> Articoli >> Cultura >> Musica >> El condor pasa

.: Menu :.
Nuovi articoli
Articoli più letti
Articoli più graditi
Invia un articolo


Termini più cercati:
cile
cuba
ecuador
brasile
america latina

El condor pasa

La storia del motivo andino più conosciuto al mondo

La musica andina è caratterizzata da motivi malinconici e ritmati, che talvolta assume toni addirittura struggenti; nei testi abbraccia preferibilmente i temi dell'abbandono e della solitudine, ma tratta talvolta anche di elogio ed esaltazione della bellezza femminile, idealizzata nella persona amata.
Gli strumenti a fiato, che caratterizzano il tipico formato strumentale folcloristico, attribuiscono alle melodia un tono ispirato e nostalgico molto suggestivo, che induce alla meditazione e alla distensione dei sensi.
Tra tali strumenti vi è il rondador, un flauto formato da una serie di canne di bambù legate insieme, la quena, una sorta di ocarina, la zampogna e altri ancora.
Il ritmo è invece attribuito dagli strumenti a corde quali il charango, una piccola chitarra, e dalle percussioni.
Il tema di musica andina più rinomato è sicuramente "El Cóndor pasa", che proprio recentemente è stato dichiarato patrimonio culturale del Perú.
Non tutti sanno, però, che tale pezzo musicale fu composto nel 1913 dal peruviano Daniel Alomía Robles, nato nella regione di Huánuco, nell'oriente settentrionale del Perù, a oltre 400 chilometri a est di Lima.
Si narra che il giovane Robles viaggiò in lungo e in largo per il Perù, giungendo sino in Bolivia e Ecuador, studiando e catalogando i ritmi e le melodie popolari delle regioni andine.
La melodia evoca il volo maestoso del condor, uccello tipico delle Ande, nei grandi spazi aperti degli altipiani; tale rapace è, infatti, il simbolo stesso della Cordigliera che si estende dalla Colombia alla Patagonia. A testimonianza di ciò si consideri che il condor è adottato negli stemmi nazionali di Bolivia ed Ecuador, rappresentato ad ali spiegate, quale vessillo posto a protezione dell'identità delle genti andine.
"El condor pasa" era in realtà il nome di una operetta drammatica composta da Robles stesso che nella parte finale del primo atto includeva l'aria che solo successivamente è diventata uno dei motivi più celebri in tutto il mondo.
Fautore di questo grande successo fu inizialmente il gruppo "Los Inkas", che lo inclusero nel loro repertorio nel corso di una tournee tenutasi in Europa negli anni sessanta.
Fu così che Paul Simon venne a conoscenza del pezzo e manifestò l'intenzione di acquistarne i diritti d'autore; "Los Inkas" replicarono che si trattava di un tema di pubblico dominio in quanto ispirato da una composizione anonima del XVIII secolo; ciò convinse il compositore statunitense ad adottare la canzone e di comporre un testo da abbinare alla melodia.
Il pezzo musicale, cantato da Paul Simon insieme a Simon Garfunkel, venne incluso nello splendido album "Bridge over troubled water", e riscosse un enorme successo, favorendo il crescere della moda per il cosiddetto “folk” andino.
Fu solo in questo momento che gli eredi di Robles reclamarono i diritti d'autore, i quali furono riconosciuti nel 1970 a seguito di un azione legale.
Nel corso degli anni "El condor pasa" è stato interpretato e adattato in non meno di 4.500 versioni e nella maggior parte delle lingue parlate sul pianeta.
Nella edizione più famosa, in tonalità minore, vi è l’introduzione costituita da un assolo di fiati (flauto e rondador), accompagnato dal charango, che conduce al tema centrale, dolcemente ritmato dal suono di sonagliere e maracas. La conclusione assume il tono concitato e festoso di un pasacalle, forse riprendendo la versione primitiva dell’autore.
Il successo postumo del bel tema di Daniel Alomía Robles ha indotto il figlio a catalogare l'intera produzione musicale del padre, costituita da oltre 900 pezzi, tra cui si ricomprendono canzoni folcloristiche, opere, operette, poemi in lingua quechua e arie musicali. I risultati di tale attività di selezione sono stati pubblicati, alla fine degli anni '90, in una raccolta dal titolo "Inno al Sole".

Autore: rf2000
Copyright: La presente opera d'ingegno è riproducibile, parzialmente o totalmente, da ciascun utente, ma con l'obbligo di citare la fonte: alol.it
Il: 19/11/2004
Visite: 13791
Tot. voti: 3
Voto medio: 9,33

Stampa     Invia ad un amico     Vota questo articolo


Torna indietro

Imposta come pagina iniziale Aggiungi ai preferiti Privacy Disclaimer Segnalazioni utenti Promuovi il tuo sito © 2000 - 2019 Alol.it MaxWebPortal Snitz Forums Vai all'inizio della pagina