Invia un articolo Invia una immagine Segnala un sito
America latina on line
America Latina on line

  Home   Immagini Articoli Links  
   Home >> Articoli >> Notizie >> ... >> La Coca Sek

.: Menu :.
Nuovi articoli
Articoli più letti
Articoli più graditi
Invia un articolo


Termini più cercati:
cuba
cile
america latina
brasile
ecuador

La Coca Sek

Viene dalla Colombia la risposta alla bevanda più diffusa (e più venduta) sul pianeta

In una comunità indigena colombiana, nella valle del Cauca, è stata inventata una nuova bibita gassata senza dolcificanti artificiali a base di foglie di coca, dal colore giallognolo, qualcosa di assimilabile alla Inka Cola peruviana, ma, si dice, meno dolce e dal sapore meno aggressivo.
Come già il nome lascia ad intendere, la bevanda è a base di foglie di coca, "le migliori foglie di coca" affermano i produttori.
In questo non vi è alcunché di illegale. Infatti, la coca è una pianta con infinite proprietà medicinali e nutritive, mentre l'utilizzo a fini psicotropi, attraverso l'estrazione e raffinazione della cocaina, rappresenta solamente l'aspetto più evidente e rilevante dal punto di vista dello sfrutamento commerciale e delle implicazioni sulla sfera mondiale della criminalità organizzata.
L'associazione della coca con la cocaina, quindi, è una delle più grandi semplificazioni che si posaano compiere sull'argomento; con le foglie di coca si preparano infusi, e costituisce la base per la preparazione di pietanze tipiche delle regioni andine di tutta l'area del continente latino americano, dal Perù alla Bolivia, dal Cile all'Ecuador.
La Coka Sek è già stata messa in commercio nei negozi della Colombia, al prezzo equivalente a 0,36 euro, in bottigliette di vetro trasparente con una accattivante etichetta blu e verde; per chi la volesse provare, non vi è altra alternativa che quella di recarsi nel paese del vallenato; difatti, non è pensabile che tale prodotto possa un giorno essere commercializzato nei nostri supermercati, in quanto il nostro Paese, come molti altri a livello internazionale, negano espressamente l'importazione di merci che contengano estratti o derivati di sostanze psicotrope.
A questo punto, qualcuno potrebbe eccepire qualcosa a proposito di bibite universalmente affermate, ma la discussione diverrebbe necessariamente sterile.
Rimane, per concludere, un suggerimento per i più curiosi: non vi venga in mente di infilarla nel fondo dello zaino e riportarvela così nel vostro Paese come souvenir...

Autore: riccardo
Copyright: I contenuti della presente opera d`ingegno sono riproducibili, parzialmente o totalmente, da ciascun utente, ma con l`obbligo di cita ela fonte: alol.it
Il: 09/01/2006
Visite: 2733
Tot. voti: 0
Voto medio: 0

Stampa     Invia ad un amico     Vota questo articolo


Torna indietro

Imposta come pagina iniziale Aggiungi ai preferiti Privacy Disclaimer Segnalazioni utenti Promuovi il tuo sito © 2000 - 2020 Alol.it MaxWebPortal Snitz Forums Vai all'inizio della pagina