Invia un articolo Invia una immagine Segnala un sito
America latina on line
America Latina on line

  Home   Immagini Articoli Links  
   Home >> Articoli >> Notizie >> ... >> EXTRA NON PIU’ EXTRA

.: Menu :.
Nuovi articoli
Articoli più letti
Articoli più graditi
Invia un articolo


Termini più cercati:
cuba
cile
america latina
brasile
ecuador

EXTRA NON PIU’ EXTRA

EXTRA NON PIU’ EXTRA

INVITO Sono circa mezzo milione gli immigrati nati e cresciuti nel nostro Paese. Persone che frequentano o hanno frequentato le nostre scuole, conoscono l'ambiente in cui sono cresciute, parlano un italiano con inflessioni lombarde, venete, siciliane, mentre in famiglia continuano a parlare il filippino, o il cinese, o l'arabo o lo spagnolo. Alternano la loro cucina con la nostra, si vestono e si comportano come noi. A questa apparente normalità si contrappone però in una buona parte dei casi, un malessere di fondo, causato da una realtà meno tranquillizzante, frammista di impulsi psicologici ed esistenziali, dovuto all'ambiente che è il più delle volte ostile. I cosiddetti "immigrati di seconda generazione" vivono tra due mondi: quello d'origine della propria famiglia e quello di accoglienza, con realtà culturali differenti, affrontano ogni giorno le problematiche dell'esclusione, della "diversità", nei vari ambienti scolastici, lavorativi, sociali. Tutte difficoltà queste, che rallentano il processo di integrazione nella nostra società.Il rischio maggiore è quello che vengano spinti a raggrupparsi tra loro in base alla propria etnia, nazionalità, cultura, religione, creando veri e propri "ghetti". Fino a che punto si possono definire "stranieri" e quale sarà la generazione che metterà fine a questa situazione? Relatori -Paolo Branca, docente di lingua araba all’Università Cattolica di Milano. -Alberto Martinelli, docente di scienze politiche, Università di Milano. -Almira Myzyri, consigliere della Cooperativa sociale “Progetto Integrazione”. -Giovanni Giulio Valtolina, docente di Psicologia dello Sviluppo, Università Cattolica di Milano; Fondazione ISMU, Milano. Testimonianze -Abdallah Kabakebbji, membro del direttivo nazionale dell'associazione Giovani Musulmani -Shaooing (Luca) Hu, della comunità cinese. -Suping Huang, mediatrice linguistico-culturale. -Angelica Saez, della comunità equadoregna. Moderatore -Mustapha Sanneh, presidente Baobab Ambrosiano, Milano. Si ringrazia: -Geovanna Moreno, artista equadoregna, per gli intermezzi canori e il ristorante Perla del Pacifico per avere offerto il rinfresco. serata incontro venerdì 25 novembre 2005, ore 18,30 Auditorium San Carlo (sala Verde) - corso Matteotti 14 Milano – autobus: 54, 61,94,95- MM1 Patrocini: Comune di Milano Via Pietro Mascagni, 24 - 20122 Milano / Italia - tel.0039.02.76006189 – fax 00.39.02.76006189 email: culturap@libero.it

Autore: Dr. Hector Villanueva
Il: 24/11/2005
Visite: 4386
Tot. voti: 0
Voto medio: 0

Stampa     Invia ad un amico     Vota questo articolo


Torna indietro

Imposta come pagina iniziale Aggiungi ai preferiti Privacy Disclaimer Segnalazioni utenti Promuovi il tuo sito © 2000 - 2020 Alol.it MaxWebPortal Snitz Forums Vai all'inizio della pagina